Traffico di cuccioli tra Ungheria e Italia:
270 cani di razze pregiate in un furgone

Intercettati dalle fiamme gialle a Palmanova. Erano diretti
verso il Sud. Il loro valore sul mercato è di 300 mila euro

(archivio)
TRIESTE - Duecentosettanta cuccioli di cane di razze pregiate (Chihuahua, Pincher, Yorkshire Terrier, Alani, San Bernardo, Spitz, Cavalier King, Husky, Labrador, Akita Inu) stivati in un furgone proveniente dall'Ungheria: il traffico è stato scoperto dalla Guardia di finanza di Trieste sull'autostrada A4 in comune di Palmanova (Udine). Gli animali erano trasportati in violazione delle vigenti disposizioni nazionali e comunitarie, sia perché versavano in precarie condizioni di salute, sia perché erano accompagnati da documenti di identificazione e trasporto artefatti.

I militari hanno richiesto l'intervento del servizio veterinario di Udine, i cui medici hanno verificato la stato di affaticamento degli animali ed hanno poi affidato in custodia i cani a diverse strutture del Friuli Venezia Giulia dato il loro elevato numero.

Le due persone responsabili del trasporto, di nazionalità italiana e diretti in una regione del sud del Paese, sono stati denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Udine per maltrattamento e abbandono di animali, nonché falso materiale. Rischiano, per il solo maltrattamento, una multa tra i 3.000 e i 15.000 euro, nonché la reclusione da tre mesi ad un anno. Gli animali sequestrati avrebbero avuto un valore di circa trecentomila euro sul mercato.

Per adottare i cuccioli
. La Guardia di finanza di Trieste mette a disposizione delle persone interessate all'affido dei cuccioli l'indirizzo email gobbi.andrea@gdf.it a cui segnalare la propria disponibilità indicando generalità e recapiti. Nei prossimi giorni verranno fornite le indicazioni del caso.

Giovedì 16 Febbraio 2012



Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Traffico di cuccioli tra Ungheria e Italia:
270 cani di razze pregiate in un furgone
I commenti su questo articolo sono chiusi.
CONDIVIDI LA NOTIZIA
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER
I commenti su questo articolo sono chiusi.
0 commenti presenti
Indietro
Avanti